24 Gennaio, 2018

La cucina, il nuoto sincronizzato, i videogiochi, la barca a vela, ma anche le amicizie, il disegno, la musica. Sono alcune delle “passioni” raccontati nei loro digital storytelling dai ragazzi coinvolti nel progetto “Mi web presento”, a cura di Open Group in collaborazione con Opificio Golinelli a Bologna. Gli studenti, del terzo anno delle scuole secondarie di primo grado, sono stati guidati in un percorso volto a renderli consapevoli delle proprie competenze trasversali e della propria identità digitale, nel momento in cui, superata la soglia dei 13 anni possono aprirsi un profilo su social media quali Facebook, Instagram, Twitter. Con la realizzazione di uno storyboard prima e di veri e proprio digital storytelling finali, gli studenti hanno messo in pratica un esercizio di promozione del sé, di valorizzazione delle proprie soft skill.

Il percorso si è concluso con una visita alla sede di Yoox Net a Porter a Zola Predosa (Bologna).

La narrazione rappresenta da sempre per il genere umano un’attività naturale, inevitabile e necessaria. Le storie infatti rappresentano un “dispositivo organizzatore”: che ci costringe a mettere ordine nei nostri pensieri e ad organizzarli in modo chiaro, comprensibile, comunicabile. Si tratta contemporaneamente di un atto creativo, dialogico e cognitivo-riflessivo. Oggi, anche grazie al basso costo dei dispositivi digitali, i nuovi supporti e gli ambienti sociali disponibili, le forme narrative si moltiplicano. Anche se spesso non ci pensiamo, la creazione di un profilo rappresenta già il primo momento in cui narriamo di noi stessi al mondo. Nickname, foto, immagini, citazioni preferite, stati, commenti, hashtag e video parlano di noi, della nostra vita, di chi siamo e di chi vogliamo diventare.

 



news
21 Dicembre, 2020
Come i servizi educativi di Open Group hanno trasformato le feste, con il digitale. Per non rinunciare alla relazione con le famiglie.
7 Settembre, 2020
Insegnare il funzionamento della corrente elettrica ai più piccoli. Con i circuiti morbidi si possono creare oggetti luminosi con plastilina o pasta di sale
17 Luglio, 2020
E' possibile proporre l'educazione al digitale senza l'utilizzo di device e pc? Abbiamo giocato con Cody Roby nel cortile di un centro estivo
Translate »
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto