13 Novembre, 2017


Mohammed nel suo paese era sarto e con una web app di nome Mygrants ha raccolto i 400 euro necessari per una macchina da cucire e ora lavora con altri 8 ragazzi che lavorano con lui e rifornisce un negozio di Poggibonsi con le sue creazioni. A Ouagadougou un fablab burkinabè lavora insieme a due fablab italiani per migliorare la produzione di riso e la raccolta del miele dei produttori locali.

Queste sono solo due delle storie, presentate a Bologna e Milano, di tecnologia digitale usata nell’accoglienza e nella cooperazione. A Bologna si è tenuta nella sede di Open Group “Welcome to digital inclusion“; a Milano, a BASE, gli Open Days per l’innovazione.

L’approfondimento di Pensatech sulsito di Radio Città del Capo



news
17 Giugno, 2020
22-25 giugno. Continua il progetto Get your facts straight, incentrato sulle fake news e la loro diffusione nei social media
10 Aprile, 2020
Riparte Pane e Internet, il progetto di alfabetizzazione digitale della Regione Emilia-Romagna. Seminari online per tutti, utili per sapersi destreggiare ...
7 Aprile, 2020
Qual è la differenza tra informazione e disinformazione? Facile! La prima è vera, la seconda falsa! …o non è forse così semplice? Quello che ...
Translate »
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto